Download PDF (2.7 Mb)

Acquedotto di Tumikia
Cronaca settembre 2014 – 2015

26/9/2014

Al villaggio di Tumikia vi è stata la prima erogazione idrica dalle fontane distribuite nei vari quartieri.

28/9/2014

Abbiamo lasciato il villaggio per tornare in Italia.

4/10/2014
Al telefono Sr Charlotte ci avverte che al pompaggio è ripresa la perdita che avevamo riparato. Quantificano un bicchiere in 15”.
Inviamo un vademecum per provare a risaldare il tutto.

12/10/2014
Presso l’Istituto delle Poverelle a Bergamo esponiamo il lavoro svolto.
Ci ringrazia particolarmente Giovanna, che incontreremo a Tumikia ad agosto 2015: è stata a Tumikia diverse volte dal 1993, rimanendoci per parecchi mesi e ricorda tutte le difficoltà legate alla indisponibilità d’acqua.

21/10/2014
Sr Charlotte ci scrive che Abdou ha risaldato i pezzi.
Ha piovuto con continuità per 4 giorni e non hanno potuto pompare.

10/11/2014
Sr Charlotte scrive che si è di nuovo manifestata la perdita anche se di tono inferiore.

20/11/2014
Scrive Sr Charlotte: “….Abbiamo avuto 2 giorni di piogge fortissime. La sorgente è coperta di terra della frana. Il tubo…è pieno di sabbia e acqua. Abbiamo lavorato tutta la giornata di ieri, adesso l’acqua arriva alla casa di pompaggio ma ci vogliono ancora diversi giorni di lavoro per sistemare tutto. Mi dispiace tanto ma vi prometto di fare di tutto per sistemare tutto. Ciao. Mi dispiace di dare questa brutta notizia.”
Ci sentiamo al telefono nei giorni successivi: papà Josè ed Emery hanno aiutato papà Lambert, masson della Missione, ad erigere 2 muri di raccordo tra i 2 manufatti della sorgente; il pompaggio è ripartito con regolarità.

Alla Missione hanno deciso di utilizzare il generatore da 10 kW che alimentava le betoniere in sostituzione di quello che accendono ogni sera per qualche ora; ne hanno beneficio sul consumo di gasolio ma inizialmente hanno avuto malfunzionamenti per la tensione generata; papà Lechi è dovuto intervenire per regolare la macchina.

I volumi sollevati non consentono una distribuzione continua dell’acqua; infatti, lasciando sempre disponibili le fontane, il bacino e la rete di distribuzione vengono praticamente svuotati tutti i giorni. Vengono a prendere l’acqua anche dai villaggi di Mabanfu, Sakambanza, Kimbambangingi e anche da maggiori distanze.
Sono gli stessi abitanti di Tumikia, con gli chefs de quartier, a chiedere una gestione regolata; decidono di distribuire l’acqua solo in alcune ore del giorno e questo determina di dover segregare le fontane per rendere i rubinetti inaccessibili al di fuori dei tempi di distribuzione. La notizia non ci fa piacere ma effettivamente non vi sono alternative.

Decidiamo di tornare a Tumikia il mese di agosto 2015 per vedere come funzioni l’impianto e riparare la perdita al pompaggio; nel frattempo le suore ci hanno segnalato alcune migliorie da realizzare alla rete della Missione; vogliamo inoltre visitare la Missione di Kikoti dove l’Istituto ha attivato un nuovo dispensario.

Agosto 2015

Domenica 2/8
Partiamo da Malpensa via Instanbul.
Siamo in 3 (Fabrizio, Riccardo, Giuseppe idraulico); Sergio ci raggiungerà successivamente.
L’aeroporto di Kinshasa è ulteriormente migliorato; vi è un nuovo padiglione per gli arrivi, condizionato, pulito; vi è una nuova giostra per i bagagli; all’uscita nessuno ci si avvicina per offrirsi a portare i bagagli; è incredibile specie se pensiamo che a Malpensa 2 extracomunitari si sono proposti e ci hanno portato i bagagli per 10 €.
Sull’aereo per Instanbul conosciamo Malik: 39 anni, nel 1998 venne in Italia dal Senegal, dopo qualche mese da Vu Cumprà trova lavoro in una azienda di Urgnano (BG) dove è tuttora e dove lavora come autista; torna 1 volta l’anno in Senegal dove ha moglie e 1 figlio; la RDC versione Mobutu era per loro un modello. All’aeroporto ci accoglie Sr Clelia per ospitarci a Kingasani nella Casa di Accoglienza.
Programmiamo di restare a Kingasani l’indomani per visitare i lavori di costruzione delle fognature e del depuratore e di recarci martedì a Tumikia.

Lunedì 3/8
A colazione conosciamo Padre Jeandely.
E’ prete da 6 anni e sta studiando a Roma teologia e Filosofia; viene talvolta a Bergamo.
Da lui e da Sr Clelia cerchiamo di saperne di più della situazione igienico-sanitaria della periferia di Kinshasa:
– si paga lo scotto di una urbanizzazione che dura da ormai 50 anni senza i servizi minimi;
– pur essendovi in molte strade la rete di distribuzione dell’acqua, non vi sono fognature pertanto in ogni casa, dove un angolo è destinato al lavandino ed al servizio igienico, tutto finisce in un pozzo perdente dal quale il liquido percola nel sottosuolo mentre il solido deve essere periodicamente svuotato e ciò avviene gettandolo per strada nel periodo delle piogge;
– per strada finiscono anche i rifiuti; oltre all’organico si ha anche una crescente quantità di imballaggi; il tutto con le piogge ruscella verso le strade più grandi e qui fluisce nei caniveau (canali interrati) che si conducono ai rivi;
– attraversando lungo la route 1 la periferia sono evidenti gli accumuli di rifiuti nei rivi;
– l’alta densità abitativa, la mancanza di spazi liberi, le case affiancate e poste a ridosso delle strade, dove di fatto si smaltiscono reflui e rifiuti, determinano una promiscuità pericolosa;
– la vita giornaliera (mangiare, preparare i propri prodotti, venderli, ricevere visite, giocare alla playstation) avviene sulla strada; sono fuori le sedie, i tavolini; all’interno esclusivamente si dorme; per non ammalarsi in città bisogna esserci cresciuti, meglio sopravissuti, da piccoli; tant’è che le famiglie che vi si trasferiscono dai villaggi rischiano seriamente di ammalarsi di malaria o febbri tifoidi;
– le case più povere si situano in prossimità dei rivi in quanto vi è la disponibilità di baracche a minor costo; qui la situazione igienica è ulteriormente aggravata dai miasmi che provengono dalle loro acque e dagli allagamenti nella stagione delle piogge;
– la ristrettezza delle strade e la concentrazione di abitazioni rende difficile pensare ad un risanamento.
Visitiamo i lavori alle fognature:
– si stanno edificando le vasche di trattamento;
– le reti fognarie sono ultimate ad eccezione della parte finale dove si prevede il pompaggio alle
vasche di trattamento;
– i pozzi perdenti sono ultimati;
– conosciamo il direttore dei lavori dell’impresa; un ragazzo di circa 30 anni;
– il titolare dell’impresa è italiano; tutti i lavoratori sono congolesi ad eccezione di Angelo, parmense, che li dirige.
Programmiamo:
– di partire l’indomani per Tumikia;
– di attendere là Sergio e poi recarci a Kikoti;
– ritornare sabato a Kingasani.

tumikia 2

La sosta a Katoi

Martedì 4/8
Alle 8.30 partiamo per Tumikia.
Guida papà Edi, ci accompagna Sr Lea e rientra a Tumikia con noi anche Abdou, venuto a Kinshasa in visita ai famigliari.
E’ il viaggio più comodo fatto sinora; siamo sul sedile dietro il guidatore in 3; davanti Sr Lea e Abdou e dietro solo i bagagli.
Verso le 12.30 ci fermiamo per un panino a Katoi al km 316 da Kinshasa; la R1 non offre piazzole di soste.

Siamo nella stagione secca; da qualche mese non piove; il cielo non è terso, le ombre sono pallide.
Alle 15.00 giungiamo a Tumikia.
L’accoglienza è festosa come d’uso; notiamo che ci accolgono solo donne e bambini, nessun adulto del villaggio a parte i lavoranti alla Missione.
Chiediamo di scendere subito alla sorgente prima che faccia buio.
Oggi hanno distribuito acqua.

tumikia 1

Al campo fotovoltaico troviamo Menez ed i fratelli; sono i guardiani degli impianti e le 2 capanne col tetto in lamiera sono le case che stanno costruendo per trasferirvisi con le famiglie.
Vicino alla jeep, Riccardo, Giuseppe, Sr Lea e Sr Charlotte. Abdou (pantaloni bianchi) saluta.
I lavoratori della Missione sono riconoscibili per la divisa verde.

tumikia 2

L’interno della casa in costruzione di Menez

tumikia 3

La maison del campo fotovoltaico dove sono installati gli interruttori di protezione della linea elettrica che scende al pompaggio. Da sx papà Passì e papà Lambert (masson).

tumikia 4

La famiglia di Menez, papà Lambert e papà Passì ci mostrano dei topolini che verranno arrostiti. Dietro la capanna il versante da cui scende la tubazione di pompaggio.

tumikia 5

Il piazzale sopra la maison del pompaggio. Sullo sfondo a dx si nota il ciglio dello smottamento che a novembre 2014 ha interessato i manufatti alla sorgente.

tumikia 1

La maison del pompaggio ed i sentieri da cui si scendeva con le carriole. La pelouse (erba) è stata piantata dalle donne e dai bambini.

tumikia 2015 mbote papa

Verso la sorgente.
La palma alla cui sx vi era lo scavo per la posa della tubazione dalla sorgente al pompaggio.
Le suore toccano la pelouse e ricordano con affetto le donne che son venute a piantarla ciuffo per ciuffo.

tumikia mbote papa 2015

La cameretta dello sfiato e la maison della presa della sorgente.

tumikia 2015 mbote papa

Per confronto uno scatto del 27/9/2014.
Si nota la differenza di luminosità del cielo tra i primi di agosto e la fine di settembre.

tumikia 2015 mbote papa

Il manufatto alla presa è coperto dal materiale franato a novembre 2014.

tumikia congo mbote papa 2015

Abdou e papà Passì ci spiegano dello smottamento.
Si notano i 2 muri eretti per proteggere l’ingresso alla presa.
La copertura del 2° manufatto alla sorgente è ancora quella provvisoria di quando ultimammo i lavori a settembre 2014, risistemata a seguito del franamento di novembre 2014 di cui si vedono ancora i segni del fango sulle pareti; il legno si è ammalorato per cui dovremo pensare alla soluzione definitiva.

tumikia mbote papa congo 2015

I muri eretti dopo lo smottamento da papà Lambert e papà Josè: complimenti.

tumikia congo mbote papa 2015

Al ritorno al villaggio ci fermiamo alla fontana 3.
Per evitare che ogni giorno l’intera rete venisse a svuotarsi, con effetti negativi dal punto di vista igienico- sanitario (ingresso di animali) e del funzionamento idraulico (malfunzionamenti per presenza di aria) venne introdotta la regola gestionale di distribuire acqua alle fontane in orari determinati (generalmente dalle 14:00 alle 17:00); fu necessario segregare le fontane per assicurare il rispetto della regola anche da parte di malintenzionati.
Le fontane, inizialmente costruite per un uso all’aperto, con un circostante piano in cls, che doveva garantire un minimo di igiene nell’intorno, sono state rese chiuse con muretti perimetrali e coperte.
Siamo nel quartiere delle abitazioni degli insegnanti scolastici; si tratta delle case migliori del villaggio; sono coperte con tetti in lamiera e dotate di muri in mattoni.
Gli insegnanti sono infatti tra i pochi ad avere uno stipendio; lo Stato tuttavia eroga gli stipendi in modo irregolare e talvolta trascorrono mesi senza ricevere nulla.

tumikia congo mbote papa 2015

Ogni volta che viene distribuita acqua, i lavoranti della Missione si recano ad aprire e chiudere le porte della fontana.

Visitiamo la casa probabilmente più ricca del villaggio; il proprietario è padre di un prete cattolico ed ogni bene in essa è di fatto un regalo del figlio:
– pavimento in battuto di cls;
– pareti in mattoni di argilla;
– tetto in lamiera e tank di raccolta dell’acqua piovana;
– soffitto in canne che mitiga il caldo proveniente dalla lamiera di copertura arrostita al sole;
– frigo, TV, generatore.
Papà Passì ci dice che a Tumikia sono 3 le abitazioni di questo livello; oltre a questa, la casa del direttore della Scuola Superiore statale.

E’ quasi buio; visitiamo il bacino dove registriamo circa 40 m3 di acqua.

Ci rechiamo al nostro alloggio che risulta già occupato; ci troviamo Giovanna con l’amica Caterina, una figlia di amici di Giovanna ed una sua amica.
Di Giovanna abbiamo spesso sentito parlare da Sr. Adele e da papà Passì.
Ci racconta la sua storia in Congo.
Nasce nel 1964 e viene per la prima volta a Tumikia nel 1992 rimanendoci per circa 1 anno.
Si è ancora all’epoca di Mobutu ed è un periodo pericoloso per alcune rivolte.
Mentre sta per tornare e si trova a Kingasani, vi sono diversi scontri a fuoco; alcuni rivoltosi vogliono entrare alla Missione per soldi, cibo, abiti; alla Missione la direzione spetta a Sr Paola che riesce a convincere alcuni militari, legati per parentela alle suore, a rimanere in difesa.
Torna a Tumikia nel 1994 e ci rimane sino alla fine del 1995: è il periodo dell’ebola.
E’ di nuovo qui nel 1997 quando Kabila marcerà su Kinshasa; le truppe di Kabila percorrono la R1 e passano da Moluma; nel percorso le truppe entravano nei villaggi attorno alla R1 per cibo, alloggio e altro pertanto anche a Tumikia si stava all’erta.
Ricorda che vi fu una battaglia importante a Kenge.

Torna di nuovo nel 2003 e poi nel 2010.
Giovanna ricorda che l’acqua corrente alla Missione, garantita dalle cisterne dell’acqua piovana e dal pompaggio dalla sorgente c’èra ancora nel suo soggiorno del 2003; non così nel suo soggiorno del 2010.
La sua visione è che a Tumikia si stesse meglio in passato; la Missione era più ricca anche perché vi era una maggior presenza di suore italiane che significava maggiori investimenti e beni dall’Europa.

Dopo cena parliamo con Sr Charlotte e Sr Adele:
– come potremmo iniziare un virtuoso meccanismo economico per il villaggio ?
– il lavoro dell’acquedotto è stato un investimento in tale senso: chi ha lavorato ha mangiato in modo
più accettabile; le donne del villaggio hanno venduto alla Missione più derrate ed hanno avuto in
cambio franchi congolesi (FC) con cui hanno migliorato la situazione famigliare;
– i professori statali hanno preso lo stipendio dopo molti mesi che non lo ricevevano; sono venuti i
militari a consegnarlo personalmente;
– sr Lea ci descrive la preoccupazione per la situazione politica; il Presidente Kabila si muove per un
terzo mandato che la Costituzione non prevede pertanto si ha paura che la situazione possa degenerare.

Mercoledì, 5/8
Proviamo il generatore per la saldatura dei raccordi: funziona.
Portiamo al pompaggio i materiali ed il generatore per riparare la perdita; sono già le 8:30 per cui tra poco le pompe si attiveranno pertanto, per non perdere tempo prezioso di pompaggio. decidiamo di effettuare la riparazione domattina presto.
Prendiamo le misure del 2° manufatto alla sorgente per decidere come costruire in modo definitivo la copertura.
Oggi l’acqua non verrà distribuita e tutto il pompaggio verrà accumulato nel bacino.
Alle 10:00 il pompaggio è attivo ad una frequenza di 40 Hz; è una bassa frequenza perché il sole c’è e non ci sono nuvole; lo scorso anno al 26/9 a quest’ora i 50 Hz erano garantiti in assenza di nuvole; potrebbe essere un problema elettrico (qualche linea sconnessa) o la polvere sui pannelli.
Risalendo al villaggio, ci fermiamo al campo fotovoltaico: i pannelli sono effettivamente sporchi per cui stabiliamo la loro pulizia sempre per domattina prima dell’avvio dell’impianto.

tumikia congo mbote papa 2015

Sono circa le 8:00 e stiamo caricando la jeep per scendere alla sorgente.
Innanzi al Dispensario, i parenti degli ammalati che trascorrono la giornata in attesa delle cure.

tumikia congo mbote papa 2015

Ancora il Dispensario

tumikia congo mbote papa 2015

Il viale di accesso alla Missione a sx del Dispensario.

tumikia congo mbote papa 2015

Al campo fotovoltaico: il sentiero con i pali in legno verticali individua il tracciato della tubazione di pompaggio.

tumikia congo mbote papa 2015

La perdita al pompaggio.

tumikia congo mbote papa 2015

Proviamo a lavare alcuni pannelli; la differenza è notevole per cui riteniamo di poter vedere dei miglioramenti nella portata del pompaggio una volta puliti; la pulizia viene organizzata per domattina presto.

tumikia congo mbote papa 2015

Ci fermiamo al serbatoio; ci sono circa 50 m3 d’acqua; il getto corrisponde ad una frequenza di circa 39 Hz pertanto ad una portata di circa 10 m3/h contro una massima portata di circa 15 m3/h.

tumikia congo mbote papa 2015

L’ingresso del serbatoio con il tubo del troppo pieno che si scarica nel vascone di lamiera che venne usato per il getto del cls durante i lavori.

tumikia congo mbote papa 2015

Questa casetta lo scorso anno non c’era; vi abitano la donna che sta lavando i panni con un bimbo piccolo.

tumikia congo mbote papa 2015

Le chiediamo il permesso di fotografare l’interno della casa

tumikia congo mbote papa 2015

La donna vende medicinali e altri prodotti farmaceutici.

tumikia congo mbote papa 2015

Il pomeriggio effettueremo una escursione con Caterina e Giovanna al Mikia ed a Sakambanza, villaggio posto a circa 1,5 km a Est di Tumikia; questo villaggio sta lavorando per portare una tubazione dalla rete di Tumikia in prossimità delle sue capanne; oggi i suoi abitanti si servono alla fontana 9 di Tumikia dove abbiamo lasciato una derivazione con saracinesca per questo prolungamento.

Il Mikia è un corso d’acqua che si origina nel fondovalle a Nord di Tumikia per risorgiva della falda.
La visita ad esso ci interessa poiché qualche anno fa i villaggi erano stati chiamati a lavorare ad un progetto che si prefiggeva di sbarrare il corso d’acqua con una diga in terra per ottenere un salto idraulico utile a muovere una turbina; la turbina doveva alimentare una pompa per il sollevamento dell’acqua ai villaggi.
Il progetto è abortito dopo che gli uomini avevano lavorato ai movimenti terra per diverse settimane; non era previsto un salario ai braccianti e l’esito positivo del progetto avrebbe ripagato i volontari.
Nei racconti delle suore e degli uomini del villaggio è rimasta una forte delusione; ricordiamo che nella riunione dell’8/4/2013 in cui esponemmo il progetto ai rappresentanti del villaggio con sr Adolphine, tale delusione venne ricordata come monito a non fidarsi troppo della nostra proposta.
Per l’economia del villaggio, in cui ogni giornata è indispensabile per procurare alla famiglia i mezzi di sussistenza (cibo, legna, ricovero) effettivamente le giornate lavorative senza salario sono un problema per cui si può capire la delusione che devono aver provato.

mbote papa tumikia congo 1

Il Mikia con alcune donne e ragazze che sveleniscono il manioco e lavano panni.

mbote papa tumikia congo 2

Il letto del Mikia è in roccia; finalmente ritroviamo un affioramento roccioso.

mbote papa tumikia congo 3

Il sapone viene preparato con olio di palma e soda caustica.

mbote papa tumikia congo 4

Accumuli di sabbia; anche qui sono venuti a prendere la sabbia per i lavori lo scorso anno.

mbote papa tumikia congo 5

Giovanna e Passì ci mostrano dove vengono torchiate le piccole noci rosse di palma da cui si ricava l’olio di palma.

mbote papa tumikia congo 3

Questa è una mappa disponibile alla Missione che riporta i villaggi e i corsi d’acqua.
In rosso la Route1; in rosso pieno le piste; si nota Moluma sulla R1 dove inizia la pista. Tutti i villaggi sono rappresentati da un cerchietto nero mentre il villaggio di Tumikia solo dal nome scritto a grandi caratteri, probabilmente perché la carta è stata realizzata per Tumikia.
Il Mikia si origina a Tumikia e, dopo aver ricevuto alcuni affluenti, si scarica nel Kafi.

mbote papa tumikia congo 4

Un ingrandimento della mappa; attorno a Tumikia, in senso antiorario, si notano i villaggi di Sakambanza, Mabanfu e Kimbambangingi.
Lo sbarramento era previsto poco a monte dell’innesto dei 2 affluenti in dx.
La freccia evidenzia la posizione della sorgente che alimenta l’acquedotto; essa affluisce nello Yomina, anch’esso affluente del Kafi.

mbote papa tumikia congo 8

Quel che resta dei movimenti di terra dello sbarramento di cui ci hanno raccontanto.
Stiamo fotografando dalla sommità della diga in dx idrografica al di sopra di una scarpata di circa 2,5 m di altezza sul fondo del torrente e stiamo guardando l’altra parte della sommità della diga; in mezzo scorre il torrente; è rimasto solo l’abbozzo di un terrapieno.
Non vi sono salti del corso d’acqua nell’intorno; la pendenza del fondo è costante
Ci immaginiamo che volessero sbarrare il fondo valle per consentire un’accumulo idrico a monte; di fatto una diga in terra.

mbote papa tumikia congo 1

Dal medesimo punto fotografiamo la scarpata dex del terrapieno.

mbote papa tumikia congo 2

Il fondovalle e gli stagni di allevamento del pesce.

mbote papa tumikia congo 5

Salendo verso Sakambanza un nuovo invaso per il pesce.

mbote papa tumikia congo 10

A Sakambanza sono ancora molti a dover scendere nel fondovalle ad approvvigionarsi di acqua. La sorgente è minima e poco limpida.

mbote papa tumikia congo 6

Un orto sul fondovalle

mbote papa tumikia congo 9

A Sakambanza: foto ricordo con lo Chef de village e la moglie

mbote papa tumikia congo 7

Siamo una novità per i bambini.
Il villaggio è meno concentrato di Tumikia e pare più ordinato.

La sera dopo cena parliamo con sr Adele e sr Charlotte.
Ci confidano che durante i lavori il loro timore principale era che qualcuno del villaggio si facesse male; a parte la negatività in sé della cosa, il problema vero per le suore era che, essendo di fatto il committente dei lavori, avrebbero avuto l’onere del risarcimento e l’entità di esso dipendeva dalle persone con cui avrebbero avuto a che fare; siccome nel villaggio è diffuso ritenere che le suore siano ricche la cosa poteva rivelarsi esosa.
Non ce ne siamo accorti ma diversi uomini hanno fumato stupefacenti durante le pause lavorative; gli uomini lamentavano di non poter tenere i nostri ritmi.
I concepimenti di quel periodo sono stati minimi per la grande stanchezza degli uomini che lavoravano.
Sr. Charlotte ci ha definito i costi mensili di mantenimento dell’acquedotto; vengono spesi 30.000 FC per ciascuna delle 2 famiglie che fanno da sentinella al pompaggio ed al fotovoltaico e 10.000 FC per Abdou che tutti i giorni scende per accendere e spegnere le pompe e che si reca ad aprire e chiudere le fontane; sono pertanto circa 70.000 FC che corrispondono a circa 200 FC/famiglia; 1 l di vino di palma costa altrettanto.

Giovedì 6/8/2015

 

Prima di scendere al pompaggio per effettuare la riparazione, passiamo dal serbatoio e rileviamo 65 m3 di volume pertanto ieri sono saliti circa 25 m3 di acqua. E’ circa la metà del volume che si pompava a settembre 2014.

mbote papa tumikia congo 1

Giuseppe avvita i bulloni dopo aver sostituito i pezzi che perdevano

mbote papa tumikia congo 3

L’impianto viene riattivato.

mbote papa tumikia congo 5

I pannelli ripuliti

mbote papa tumikia congo 2

Il pranzo.
Nel villaggio girano una decina di moto; sono tutte di marca cinese e hanno un prezzo equivalente a circa 1.000 €.

mbote papa tumikia congo 4

L’arrivo di Sergio.

Riparata la perdita, abbiamo avviato il pompaggio alle 10:30.
Il pomeriggio viene distribuita acqua; le fontane rimangono aperte dalle 14:30 alle 17:00.
Anche oggi il pompaggio è stato sui 25 m3; qualcosa in più di ieri perché abbiamo iniziato a pompare circa 1 h più tardi (la pulizia dei pannelli pertanto ha compensato il minor tempo di pompaggio) ma è comunque circa il 60% rispetto a settembre 2015.
Abdou verificherà che tutte le linee del fotovoltaico sono correttamente collegate pertanto è possibile che il cielo di agosto non sia lo stesso di quello della fine di settembre; le fotografie di agosto sono significative mostrando delle ombre non così nitide anche col sole; Menez ci conferma che il cielo della stagione secca, specialmente, alla fine, è meno terso che in quella delle piogge.
Dalle osservazioni che ci perverranno da Abdou nei mesi successivi si confermano questi numeri dell’impianto:
– nei giorni più produttivi si hanno 50-60 m3/g;
– si distribuisce l’acqua a giorni alterni dalle 14 alle 17;
– nei giorni di pioggia o di nuvolosità intensa il pompaggio è nullo;
– il volume giornaliero sollevato cala progressivamente nella stagione secca;
– il volume giornaliero sollevato alla fine della stagione secca è di circa 20-25 m3/g;
– alla Missione l’acqua è sempre garantita in quanto gli impianti sono direttamente collegati alla rete.

7/8/2015
Questa giornata la dedichiamo ad una vista a Kikoti, Kikwit e Mosango.

8/8/2015
Verso le 10 partiamo per Kinshasa

Mbote Papa ONLUS
Adrada S. Martino (BG)

Codice Fiscale e P. IVA: 03986770166